Focaccia Pugliese

Tempo di Lettura: 2 Minuti, 35 Secondi |

La Puglia è una delle regioni italiane regina dei panificati: oggi siamo pronti a raccontarvi della ricetta delle focacce!
I veri buongustai sanno bene che la regina delle focacce è quella pugliese! Scopriamo insieme le caratteristiche della focaccia pugliese, la storia e le varietà che con il loro gusto hanno conquistato tutta Italia.
La storia di questo prodotto da forno è antica e complessa, le sue origini sono attribuibili agli antichi Fenici. Catone nel II Secolo A.C. scriveva di un impasto di miglio, orzo, acqua e sale dalla forma rotonda che veniva cotto su pietra con olio d’oliva.
Sembra anche che nell’antica Roma venisse offerta agli Dei per guadagnarsi il loro favore.

Le Caratteristiche

La base della focaccia è spesso di semola rimacinata o altre farine. A volte vengono unite le patate lesse per ottenere un impasto morbido e corposo. Si aggiungono sempre acqua, lievito, sale e soprattutto buon olio extravergine d’oliva.
Vi spieghiamo qual è Il segreto di tanto gusto e qual è la differenza tra focaccia pugliese e barese:
Sicuramente l’uso generoso di olio che viene utilizzato sia nell’impasto sia in superficie. Poi fanno la differenza i condimenti speciali come pomodorini freschi, leggermente glassati con lo zucchero e olive nere (tipica focaccia barese), fette di patate oppure sale grosso e rosmarino (quest’ultima è detta “la bianca”). Spesso è possibile anche trovare versioni più particolari con aggiunte di formaggi e verdure fresche.

Curiosità

In Puglia la focaccia oggi nasce probabilmente come variante del tradizionale al pane lavorato nelle zone di Altamura o Laterza, in particolare era proprio quel prodotto che si metteva a cuocere quando il forno si stava scaldando per la cottura del pane ma ancora non aveva raggiunto alte temperature.

Cosa consiglia AltaRè - Puglia Breadstorming?

Le nostre focacce sono consigliate in ogni momento della giornata: colazione, merenda, aperitivo, oppure si possono sostituire il pane a tavola ma anche, con l’aggiunta di un po’ di affettato e un’insalata di contorno per diventare un pasto completo. Buon Appetito!

Post a comment